giovedì 28 luglio 2011

L'ecosfera


Ecco un'altra cosa che ho avuto la fortuna di imparare dai miei figli: prima non sapevo cosa fosse un'ecosfera: me lo ha spiegato Pietro, che è curiosissimo e legge di tutto. In pratica si tratta di un ecosistema autosufficiente racchiuso in una boccia di vetro: acqua di rubinetto, un po' di sassolini e frammenti di conchiglie, un paio di piante acquatiche che ossigenano l'acqua e qualche lumachina che ripulirà il vetro dalle alghe che tendono a formarsi nel tempo, nutrendosene. Non ci resta che aggiungere un gamberetto d'acqua dolce fredda (quelli in vendita sono di origine tropicale e richiedono acqua riscaldata), che cercheremo di catturare prossimamente nel fiume e che contribuirà a fornire sostanze nutrienti alle piante.




Non c'è bisogno d'altro, nemmeno di cambiare l'acqua; basterà rabboccare periodicamente quella evaporata.
Il tutto è stato sistemato nelle vicinanze di una finestra, in modo che le piante possano ricevere luce a sufficienza.




Ora abbiamo in casa un esperimento vivente che è allo stesso tempo un elemento decorativo per la nostra credenza.
Il tocco chic è dato dal centrino posato all'imboccatura della boccia, che ha anche la funzione di impedire la fuga delle lumachine.



Naturalmente esistono in commercio composizioni di questo genere: il costo oscilla tra i 200 e i 500 euro.
   Noi abbiamo speso 30 euro di tutto.

1 commento:

  1. Piccola correzione: mi sono informata e ho scoperto che i gamberi di fiume non sono adatti, perché raggiungono dimensioni importanti e sono molto voraci e aggressivi nei confronti dei "coinquilini". Opteremo per qualche "caridina japonica", un gamberetto pulitore che nei suoi momenti migliori raggiunge al massimo i sei centimetri, è timido e tranquillo e sopporta temperature dai quindici ai trenta gradi.

    RispondiElimina

Lasciate un segno del vostro passaggio... Basta anche un salutino, se non siete in vena di ciarle.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...